sabato 19 maggio 2012

piano di rientro

Chissà perchè sono ancora qui dopo tutto quello che ho passato.
Sono stata ricoverata due settimane in una clinica che sembrava un villaggio vacanze e a volte una casa di riposo.
Io e le anoressiche abbiamo fatto sedute di gruppo e mangiato tutte insieme in mensa, abbiamo avuto sedute individuali e tonnellate di medicine, un diario da scrivere, ma molte di noi, odiavano tutto questo, compresa me.
Odiavano dover essere pesate da altri, il loro bel sorriso se sali di peso, il continuo spronarti allo sfogo, raccontare i cazzi proprio davanti a tutte, ascoltando solo - quanto tempo c'ha messo lei (una qualsiasi che parlava), è stata brava, ma io di più, cazzo lei è arrivata addirittura a quel peso -.
Qualcuna era silenziosa come me, altre sembravano proprio vacanziere una o due facevano un casino terribile in certi momenti, con urla, crisi ecc.. una ha anche tentato il suicidio.
Io?
Io ho finto.
Vi segno alcune delle memorie che ho scritto sul mio diario
Diario, 
mi fa un po' strano scriverti sapendo che prima o poi qualcuno dovrà leggerti e giudicare i miei pensieri, ma tenterò di essere il più possibile libera. 
Oggi ci hanno fatto fare colazione con una fetta di pane integrale spalmata di marmellata, caffè è un bicchiere di latte. 
A metà mattina lo yogurt. 
A pranzo un piatto di pasta al sugo di pomodoro, una bistecca di manzo con contorno di zucchine bollite. 
A merenda un pacco di cracker 
A cena verdure con due fette di pane e un uovo sodo. 
Sono tante calorie, ma sono anche la vita queste calorie, sono i punti che mi servono per star bene, quando mangio mi sento un po' in ansia, sono lenta, so che gli infermieri mi guardano, ma so anche che qualcuno adesso si sta prendendo cura di me, che il mio ragazzo da lavoro o casa mi pensa che quando può mi viene a trovare e io voglio raccontargli che ce la sto facendo. 
Stanno abituando il mio stomaco ad accogliere cibo e la mia mente a pensare che sia normale e giusto. 
Inoltre durante il giorno possiamo fare delle passeggiate nel centro, abbiamo mezz'ora di accesso alla palestra, possiamo leggere, guardare la tv e stare tra di noi.
Quando uscirò di qui starò bene, lo so, e questo mi rende felice. 
Voglio tornare con una vita di una ragazza della mia età e dimenticare il grosso errore dell'anoressia. 


I miei diari sono tutti cosi piu o meno. Ho sforzato la mia faccia a larghi sorrisi, ho sempre scelto le parole giuste, le ho dosate come tutte ma ora vorrei scrivervi ciò che pensavo davvero, per esempio in quella
pagina di diario. 

Diario, 
ti scrivo sapendo che prima o poi qualcuno dovrà leggerti e giudicare i miei pensieri, quindi tenterò di sparare una marea di cose giuste ma che non penso.
Oggi ci hanno fatto fare colazione con una fetta di pane integrale spalmata di marmellata, caffè è un bicchiere di latte. Un pasto uguale per tutte, come se fossimo marionette tutte uguali, bestie al macello, alle quali si danno le stesse porzioni, lo stesso cibo.
A metà mattina lo yogurt. 
A pranzo un piatto di pasta al sugo di pomodoro, una bistecca di manzo con contorno di zucchine bollite. 
A merenda un pacco di cracker 
A cena verdure con due fette di pane e un uovo sodo. 
Sono tante calorie,sono troppe, mi sento in colpa, quanto mi ci vorrà per eliminare tutto questo schifo. Sono maledettamente in ansia, sono lenta sperando che sminuzzando il più possibile il cibo pesi meno nel mio stomaco, so che gli infermieri mi guardano e sembrano guardie carceriere, so che  il mio ragazzo da lavoro o casa mi pensa che quando può mi viene a trovare e io voglio raccontargli che ce la sto facendo, anche se in realtà non vedo l'ora che finisca tutto questo per rifare tutto.
Stanno abituando il mio stomaco ad accogliere cibo e chiuderlo sarà nuovamente faticoso, ma quell'adrenalina della sfida con me stessa e la mia fame non mi spaventa.
Inoltre durante il giorno possiamo fare delle passeggiate nel centro e io appena posso imboscarmi cerco di fare dei saltelli o di correre o di camminare velocemente, abbiamo mezz'ora di accesso alla palestra è troppo poco ma mi spompo il più possibile per bruciare una marea di calorie, possiamo leggere, guardare la tv e stare tra di noi, ma facciamo fatica a parlarci. 
Quando uscirò di qui starò bene, lo so, e questo mi rende felice, starò di merda in realtà ma almeno potrò riprendermi la mia vita e stavolta tenendo tutto nascosto.
Voglio tornare con una vita da anoressica e dimenticare il grosso errore della normalità. 
Mi hanno portata a 52kg, non ce la facevo a tornare da voi con quello schifo addosso,  ho aspettato di arrivare almeno a 47 kg, ancora troppo, ma ritornerò ciò che ero.
Ho ancora le sedute da fare con gli psicologi e gli psichiatri e i medicinali da prendere, gli incontri con il nutrizionista, dove prima di entrare bevo 4 litri di acqua o faccio colazione per pesare di più.
E' difficilissimo nascondere tutto, fingere che sto bene, che sta passando, sorridere come una deficiente, quando vorrei piangere, è difficile vedermi con tutto questo peso e potete immaginare come stavo a 52 kg.
Ma ho un piano a settembre mi iscrivo all'università, avrò il. mio appartamento, studierò, sarò lontana da tutti  e farò come mi pare.
Deva  


31 commenti:

  1. Bentornata Deva...se così si può dire...
    Io ho scoperto il tuo blog praticamente quando te ne sei andata,...eppure ho sentito lo stesso la tua mancaza..
    be strong

    RispondiElimina
  2. Evvai continua cosi'.....

    RispondiElimina
  3. Deva mi sei mancata...
    giusto un anno fa sono uscita dall'ennesimo ricovero...fisicamente sto bene, ma non mentalmente...
    la normalità mi fa schifo...voglio tornare ad essere la perfezione di un tempo, mi sento un'altra persona...ti sembrerà strano, ma non è solo per il fisico, ma per tutto quello che ne conseguiva...c'era la perfezione in TUTTO...avevo una vita perfetta...è vero stavo male io e chi mi stava intorno...almeno adesso tutti gli altri pensano che io stia bene...non ci capisco più niente, so solo che non mi accetto e che non mi capisce più nessuno...mi sento persa...
    H2O

    RispondiElimina
  4. Quanto pesavi prima che ti ricoverassero? E' impossibile che in due settimane ti abbiano fatto ingrassare di 10kg o più. No comment. Sia riguardo a quello che hai scritto, sia riguardo a chi commenta dicendo di sentire la tua mancanza ma é comunque contenta di vederti di nuovo qui. Brava, torna anoressica. Questa si che é vita. Fa soffrire ancora il tuo ragazzo, tanto sei sempre stata un'egoista. E lui ti ama davvero, ma é masochista come te, altrimenti ti avrebbe lasciata già da un pezzo. Se non altro smettila di mentirgli.

    RispondiElimina
  5. Anzitutto chiedo scusa a Deva per l'utilizzo del suo spazio. Se poi vorrà cancellare il mio post non potrò che farmene una ragione, questo è il suo sito e io sono un ospite.

    Ok ci siamo, ora butto lì l'idea che mi è venuta e della quale accennavo nel precedente post di Deva. So già che riceverò probabilmente zero adesioni come sono consapevole che magari ci sarà anche qualche critica o sospetto, per questo ho pensato ad una proposta che sia al di sopra di ogni dubbio e metta chiunque nelle massime condizioni di serenità e sicurezza.

    Niente, visto che è un po' che vi leggo e di tanto in tanto intervengo, mi sono detto: perchè non ci troviamo per due chiacchiere e bere qualcosa? Così, passiamo qualche ora insieme, senza pregiudizi o senza l'intento di prendersi in giro o di criticare, giusto per conoscerci, parlare un po' e fine. Non vorrei da solo, ma con un paio di amici tutti della mia età (27-28), voi siete tutti/e invitati/e, con amici o amiche, di giorno, in luogo rigorosamente pubblico e trafficato. Non sono previste feste in case private, scantinati o incontri chissà dove: ci si vede di pomeriggio, in una città del Nord, magari in una piazza frequentata e al bar della piazza, in pieno giorno ed in mezzo a tutta la gente quindi niente paure che sono/siamo maniaci, violentatori, pazzi, cannibali (anche perchè a mangiare voi c'è poco da ingrassare). Preferisco vederci in quel contesto sia per sicurezza vostra sia per sicurezza mia/nostra: voi non sapete chi sono io, io non so chi siete voi quindi per fare tutto al meglio la mia proposta è quella. A scanso di equivoci preciso (e ciò vale anche per l'amico che magari mi accompagna) che sono già sessualmente appagato, non ho particolari problemi con le donne, non cerco sesso a pagamento, non cerco donne a cui ricaricare il cellulare in cambio di frasi bollenti, non ho bisogno di pagare per una donna, non sono in cerca di compagne e per trovarne non ho bisogno di organizzare un raduno di anoressiche online, insomma so che sembra troppo strano per essere vero ma lo scopo è solo quello di conoscersi, bere un caffè (con il Dietor al posto dello zucchero, tranqui), farci due risate insieme e finita lì. Nè più nè meno.
    Non dobbiamo mica essere in 50, per me va bene anche se ci sono 3-4-5 persone che aderiscono. Una cosa non impegnativa insomma, qualche ora in compagnia per parlare e scherzare un po'. Se poi si va d'accordo ho anche pensato che la sera vi porto tutte a cena al ristorante e offro io, tanto non mangiate un cazzo quindi posso anche cavarmela con poco ahah.

    Che dite? Qualcuno/a ci sta? Se sì, proponga 2-3 città possibili, tra le quali sceglierne una definitivamente. Io sono disponibile per Verona-Brescia-Bergamo-Milano-Bologna-Pavia

    Se la mia idea è na cagata pazzesca ditelo pure! Motivandolo, almeno

    SIR

    RispondiElimina
  6. non so...il bello di questo posto è proprio che non ci si vede...però....però. non mi butterei via.
    g.

    RispondiElimina
  7. Oddio, che "il bello sia il non vedersi" non lo so. Secondo me il vedersi per fare due chiacchiere, scherzare un po' e bere qualcosa insieme è meglio che stare dietro ad un pc ad elaborare teorie in preda ad una nevrosi. La mia proposta è qualcosa di molto "tranqui", un drink insieme, in luogo pubblico, accompagnati da amici/amiche, roba tranquilla appunto che non credo crei chissà quali turbative mentali.
    Poi resta il fatto che non è un obbligo ma un invito: ed un invito lo si può anche rifiutare (ho messo in conto lo zero assoluto come numero di adesioni, quindi comunque vada non potranno essere deluse le mie aspettative ahah)

    SIR

    RispondiElimina
  8. teorie in preda ad un nevrosi? carino... mi sa che ci siamo solo io e te a discutere di questa cosa, guarda caso i due che non hanno problemi alimentari...il fatto è che se uno sta qui perchè ha certe idee sul cibo...non credo abbia voglia dopo averle manifestate di manifestare anche se stesso.
    chissa cosa dicono le altrese diranno qualcosa.
    immmagino che tu non abbia aspettative...ma vedi perchè npn racconti cosa fai nella vita e chi cavolo sei? non lo fai perchè anche tu sei nascosto dietro lo schermo. e non ti va bene così in fondo?
    g.

    RispondiElimina
  9. Ripeto: mi va benissimo che uno per qualsiasi motivo non voglia partecipare e do per scontato che nessuno ci stia. Non ho mica preteso niente. Che vuol dire "racconta che fai nella vita e chi cavolo sei?". Chi vuoi che sia? Uno psicologo con una missione umanitaria da compiere? Un agente segreto che vuole arrestare le scriventi dei blog per qualche reato? O sarò un reporter che vuole carpire cosa sta dietro questi blog per farne un reportage? O chissà che altro... Ebbene sono forse la cosa più semplice, uno che non c'entra niente con questa specie di mondo (del quale dubito, lecitamente), uno che non gliene frega niente di tutto ciò, che ci è capitato per caso ed è stato incuriosito dalle storie estreme che vi si raccontano, uno che è intervenuto qualche volta e, infine, uno che si è detto "vediamoci per un drink e due chiacchiere informali", con una proposta di massima sicurezza per chiunque volesse miracolosamente partecipare. Posso anche capire che la cosa sia poco credibile, ma per questo ho lanciato una proposta senza impegno preoccupandomi di garantire sicurezza a tutti, me per primo, non vorrei incontrare una baby gang o delle pazze maniache drogate che mi rapinano per una dose.
    Chi sono e che faccio nella vita? Embè che vuoi sapere? Il curriculum? Sono un ragazzo di 28 anni, ho finito di studiare pochi anni fa all'Università (no medicina o psico, non devo studiare nessuno) e ora lavoro in un campo che nulla ha a che fare con questi blog. Ho una vita regolare, faccio sport, sono eterosessuale, ho un buon rapporto con l'altro sesso, sono alto quasi 1 e ottanta... poi? Altro? Ah, sono normopeso, magari ho un paio di chili da perdere, ma giusto quelli, sì.
    Insomma se la mia proposta non ti piace, dì che non ti piace, dai il tuo motivo e siamo a posto, non c'è mica bisogno di incazzarsi con quel "e tu chi cavolo sei?". Io non te lo chiedo (non me ne può fregare molto)... ma se ci incontriamo un caffè te lo offro comunque!

    SIR

    RispondiElimina
  10. no... non volevo essere o sembrare aggressiva. è il mio modo di parlare. intendevo dire che un caffè lo si beve con l'idea di berlo e basta o anche di conoscerci? e se l'idea è di conoscerci allora mi domandavo chi fossi. perchè penso che stare qui dietro sia sicuramente meno rischiso, ma nn in termini di pericolo effettivo, solo meno rischioso perchè non ci si sente implicati in nulla. non c'è un vero contatto e non ci sono vere relazioni. e senza relazioni vere ci si sente più liberi, anche se stupidamente. capito che intendo? questo è un mondo fatto di specchi che riflettono solo quello che vogliamo mentre la realtà è molto più complessa, faticosa e ci costringe a misurarci ogni giorno con quello che siamo interamente, non con ciò che ci va di scrivere su di noi. e l'incontro per il caffè farebbe parte della realtà. stavo solo riflettendo su questo e non ti volevo criticare, spero di essermi spiegata meglio, ora.
    g.

    RispondiElimina
  11. Io ci starei davvero, peccato che sono molto fuori zona.
    L0anonimo dell'AIDS (per chi si ricorda)

    RispondiElimina
  12. Non capisco SIR...perchè questa tua iniziativa? Già molto tempo fa lasciasti la tua email per chiunque avesse voluto contattarti. Ora proponi un caffè. Perchè tutto questo interesse verso questo mondo che (come tu hai detto) non ti appartiene? Chi mi dice che sei un tipo tranquillo? Non voglio offenderti, scusami se dico queste cose, ma se ne sentono davvero di tutti i colori, e qualcuno potrebbe approfittarsi di persone sensibili, deboli e che necessitano di amore e di qualcuno con cui parlare. Semplicente non capisco. Tutto qui. Hai degli amici, ti sei laureato, hai un lavoro...perchè trascorrere del tempo con persone che soffrono di disturbi alimentari? Tra l'altro ci vai un pò troppo pesante con le battutacce, che potrebbero infastidire qualcuno. Visto che gli amici e le ragazze non ti mancano, esci con loro!

    RispondiElimina
  13. Scusa un attimo, chi mi dice che non sei una matta con precedenti per rapina, magari fidanzata con un balordo che vivendo di espedienti si apposta poco più in là e mi salta addosso per derubarmi del cellulare e del portafogli?
    Hai letto in che modo ho proposto di trovarci proprio per garantire la tranquillità di tutti?
    Non mi sembra di aver insistito o riempito il blog di inviti. Ho lanciato un'idea, sapendo che sarebbe finita in un nulla di fatto (l'ho scritto). L'email di cui parli mi fu chiesta.

    Sono pronto a scommettere che sei una di quelle persone che si straccia le vesti contro i pregiudizi e poi hai scritto 20 righe che di pregiudizi sono impregnate. Il tuo messaggio è chiaro: o sono un innocuo sfigato asociale e squattrinato che non ha mai visto una f..a in vita sua e spera di rimorichiare da un blog, oppure sono un maniaco sessuale che vuole stuprarvi tutte dal tanto che siete belle f...e. Non volevo essere scurrile, ma almeno rendere bene l'idea di quel che penso tu stia pensando, piena di pregiudizi come sei. Comunque sia, se mi avessi conosciuto (e io non desidero avere il dispiacere di conoscerti, dormici tranquilla), avresti smentito i pregiudizi di cui la tua mente retrograda è ostaggio. E vedendoci forse avremmo scoperto che chi correva il rischio di uno stupro non eri tu, che già t'immagino e mi basta quello per aver paura!

    Non potevo non commentare la tua ultima frase: ma come ti permetti? Io ho lanciato un'idea verso la generalità dei lettori, senza impegno. Se non ti va non rispondere, che significa "visto che amici e ragazze non ti mancano, esci con loro". E tu fatti gli affari tuoi scusa! Io esco con chi mi pare, non certo con chi mi consigli tu. Come a te nessuno a chiesto niente, se uno pubblicizza una festa o rispondo educatamente no grazie, o lo ignoro (ma non è nel mio stile), ma di certo non gli dico "beh con tutti gli amici che hai falla con loro". Che cavolo di discorsi sono? Se non vuoi venire non rispondere, ma non venirmi ad ordinare con tanto di punto esclamativo con chi devo uscire. Con tutti quelli che scrivono su questo blog, a me devi rompere le scatole? Scrivi a loro!

    SIR

    RispondiElimina
  14. SIR io t'amo....ahahahh!!!
    C.

    RispondiElimina
  15. Nessuno HA chiesto niente ;) impara l'italiano

    RispondiElimina
  16. Dato che l'errore non é recidivo è evidente che si tratta di errore di battitura.

    SIR

    RispondiElimina
  17. hi ciao c: non so se ti ricordi di me.. ero 'darksideofasmile' finalmente sono tornata :) se vuoi fai un salto sul mio nuovo blog :3 ti seguo da sempre, un abbraccio♥

    RispondiElimina
  18. Ciao. Ho bisogno di parlare. Voglio scappare dal mio paese. Voglio andare via. So che forse questo non è il posto giusto in cui scrivere, ma non c'è nessuno accanto a me. Ne sto passando davvero tante e sono a pezzi. Vi prego aiutatemi. Vi abbraccio forte e spero che qualcuno di voi abbia una soluzione. Ora come ora la mia unica salvezza sarebbe la morte.

    RispondiElimina
  19. anonimo dell'ultimo post forse se sei un po' più specifica è meglio. aiutarti come? di che cosa hai bisogno, che ti aiutiamo a scappare di casa? cosa succede?
    g.

    RispondiElimina
  20. Deva dove sei finita?

    RispondiElimina
  21. Deva, credo che abbia una grande forza di volontà e credo che sia un dono. Sfortunatamente concedi a cose estremamente futili di governare il tuo tempo, tutto il tuo tempo. Questo è altresì un grande spreco. Che poi il fatto che tu lo voglia fare rende la cosa anche un po' patetica. Non ho bisogno di ricordarti che ci sono molte cose interessanti da scoprire, mondi interi da capire, lingue da imparare e che tu stai perdendo il tuo tempo dietro al peso del tuo corpo. E non solo lasci passare la tua vita, che probabilmente non ha molto valore per te, ma lasci passare l'opportunità di goderti questo mondo.
    E quindi niente, io sono Dio e posso tutto. Viaggiare, scoprire, inventare, parlare, amare. E tu sei una principessa come altre. Diventa Dio, non farti governare da niente. Il tuo corpo non può essere il tuo padrone. Noi siamo molto di più. Liberati. Ordina alla tua mente di liberarsi.
    E non ti chiedo neppure scusa per le mie parole, per essere entrare in questo spazio.
    E magari sei morta o poco rimane.

    Dio

    RispondiElimina
  22. qualcuno di voi ha notizie di Deva?

    RispondiElimina
  23. no niente, ormai i suoi post erano sempre più rari e l'intervallo di tempo tra uno e il successivo è in aumento, pertanto direi di non allarmarsi...

    SIR

    RispondiElimina
  24. giusto-giusto.. ^^
    grazie della risposta.. ^^

    RispondiElimina
  25. bellissimo che????
    g.

    RispondiElimina
  26. Azz mi sa che sto giro Deva ci ha lasciato, per lo meno sul blog.
    Peccato, vera o non vera questa storia la si leggeva volentieri.

    Quindi adesso che si fa?

    SIR

    RispondiElimina
  27. niente che vuoi fare. La tua vita, la mia vita e le altre da portare avanti. doveva finire prima o poi. tutto finisce.
    g.

    RispondiElimina